fbpx

L’ultima finale di Wimbledon tra Doković e Federer

Vivisport

Vivisport

L’ultima finale di Wimbledon tra Doković e Federer è stata definita come la più bella finale del secolo. I due campioni hanno fatto palpitare il cuore di tutti gli spettatori fino all’ultima palla. Una partita epica, la più lunga di sempre terminata al tie-break dopo la parità sul 12-12.

E’ Doković ad alzare la coppa più ambita al cielo. Ogni punto è stato un tripudio di emozioni. La vittoria più grande però rimane per lo sport, due immensi talenti che hanno riunito milioni di persone, concentrati sulla vera essenza del gioco e su una sana rivalità sportiva.

Appunti sulla finale storica di Wimbledon

La finale di Wimbledon 2019 resterà nella storia come la più lunga e appassionante di tutti i tempi. Per cinque set si sono dati battaglia due fuoriclasse dotati di tecnica, potenza, tenacia e avremmo voluto non finisse mai.

  • Primo set. L’inizio è stato equilibrato, entrambi hanno fatto vedere i loro punti forti, risolutezza di Doković nei momenti importanti e tanta precisione di Federer nelle sue giocate. Alla fine il serbo vince al tie-break 7-6.
  • Secondo set. Novak Doković viene battuto con un netto 6-1 da un Roger Federer che sembra aver messo una marcia in più.
  • Terzo set. Nole torna a giocare al suo meglio e si aggiudica per 7-6 il tie break.
  • Quarto set. Buon inizio per il serbo nonostante lo svizzero gli tenga testa, Roger però prende le redini del gioco e si porta a casa il set 6-4.
  • Quinto set. L’ultimo e decisivo set. I due campioni giocano punto a punto dimostrando al mondo tutto il loro talento. A metà set c’è un allungo di Doković che viene poi raggiunto da Federer poco dopo. Continua così la sfida fino al 12 pari. Questa è anche la prima finale di Wimbledon che si disputa con la novità introdotta quest’anno del tie-break decisivo sul 12-12 pari. Doković ha ottenuto il mini break al terzo punto a causa di un azzardo di Federer che poi non ha più recuperato. Grazie ad una steccata di diritto Novak “Nole” Doković vince con un 7-3 e con un 13-12. Si aggiudica il titolo sull’erba del Centre Court di Wimbledon dopo quasi cinque ore di partita.

L’importanza della rivalità nello sport per gli atleti

Lo sport è competizione, inutile negarlo, c’è sempre un vincitore e uno sconfitto. Ma è anche vero che, l’importante è partecipare. Bisognare provare a vincere la partita o raggiungere il traguardo per migliorare se stessi e superare i propri limiti. Che tradotto nella vita reale vuol dire affrontare le difficoltà e superare tutti gli ostacoli per vivere al meglio. Gli avversari servono a spronarci, a forzarci a dare il meglio di noi stessi, per questo la rivalità nello sport fa bene agli atleti. Un sana rivalità, questo è importante, mantenere il rispetto verso l’avversario e concentrarsi sul gioco. Spesso però questa rivalità sfocia in litigi e battibecchi al di fuori del campo. Diventa quindi importante educare atleti e tifosi a focalizzarsi sul match e non su questioni personali.

Possiamo avere solo ottimi esempi da campioni come loro, impeccabili sul campo e fuori. La loro rivalità è la più grande nella storia dei tornei Grande Slam, nonché una delle più importanti di sempre. Dopo ben 48 sfide, di cui 26 vittorie di Doković, è possibile affermare che nello sport la sana rivalità fa bene alla tempra del giocatore, soprattutto se ci regala emozioni come l’ultima finale di Wimbledon tra Doković e Federer.

Centro Sportivo Vivisport

Il Centro Sportivo Vivisport è il tuo ideale per fare sport, tonificare il tuo fisico, ma soprattutto per stare bene, divertirsi ed eliminare tutto lo stress quotidiano

Centro Sportivo Vivisport

Il Centro Sportivo Vivisport è il luogo ideale per fare sport, tonificare il tuo fisico, ma soprattutto per stare bene, divertirsi ed eliminare tutto lo stress quotidiano

Campi Sportivi
099 7729168

Wellness Club
099 7723511

Campi Sportivi

099 7729168

Chiama ora

Wellness Club

099 7723511

Contattaci subito